Skip to content. | Skip to navigation

You are here: Home » stagione 2017 - 2018 » Mostre al Cubo » TRAME E SOTTILI INTRECCI
Personal tools
Biglietteria online
Document Actions

TRAME E SOTTILI INTRECCI

di Donatella Baruzzi

TrameESottiliIntrecci


Una serie di opere realizzate in tessuto e delicati intrecci di ceramica.

Le foglie come elementi dell’albero, la bellezza e la poesia della natura per rappresentare alcune trame e nodi dell’esistenza. 

 

Le forme degli elementi naturali sono utilizzati nel mio lavoro come metafore dell’esperienza umana, un po’ come fanno i giapponesi quando rappresentano il fiore di ciliegio e vedono in esso la fragilità della vita che nasce.

La mia inclinazione per gli elementi naturali mi ha portato ad usarli come simboli dell’esperienza umana, l’albero appare da sempre nel mio lavoro, dapprima stilizzato appariva come un labirinto, anche le radici come immagine a sé stante ruotavano intorno all’idea di labirinto.

Ora procedendo sulla scia dell’osservazione della natura, propongo le foglie come gli elementi principali dell’albero della vita che si esprime attraverso le persone, ogni foglia un nome.

Le foglie sui rami non solo nel senso di ungarettiana memoria rispetto la caducità della vita, ma anche come unicità della vita perché delle foglie non ne esiste una uguale all’altra proprio come gli esseri umani.

La mostra inizia con una grande foglia, la grande foglia dell’essere umano, ricca di venature e trame sottili così come ricca è la nostra natura. 

Osservando il nostro DNA potremmo vedere che le nostre origini vengono da molto lontano, poi la nostra storia e le trame della vita ci restituiscono al presente. 

 

Donatella Baruzzi

 

 

 

Donatella Baruzzi è nata a Milano ove si è diplomata in Decorazione all'Accademia di Brera. Negli anni ’90 collabora con il padre Glauco, artista, realizzando progetti di grandi dimensioni in terracotta. Nel 2001 apre ArtiLab dove per diversi anni organizza i corsi di formazione ceramica, collaborando con alcuni tra i più bravi maestri della ceramica di Faenza e con l’Accademia NABA. La sua ricerca spazia tra arte, artigianato e design: nell’arco del suo percorso ha realizzato oggetti per l’arredamento in ceramica, gres e porcellana.